MATTEO SAUDINO – Attraverso Festival
1978
event-template-default,single,single-event,postid-1978,bridge-core-2.3.4,single-event-container,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-22.0,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

MATTEO SAUDINO

Torna indietro

giovedì 25 Luglio 2024 / 21:00

MATTEO SAUDINO

in Vite Ribelli: spettacolo sul coraggio di pensare e sulla forza ribelle della filosofia

Saluzzo, piazza Montebello 1 - Il quartiere, (CN)

12 €
Acquista

Fare filosofia è da sempre un’attività ribelle, in quanto si fonda sul dubbio e su un uso critico del pensiero, in grado di generare bellezza e crescita ma anche disorientamento e inquietudini. Ragionare in modo libero, infatti, significa mettere in discussione sé stessi e il mondo in cui si vive con le sue presunte certezze: ciò richiede una buona dose di coraggio, qualità che non appartiene a tutti gli esseri umani. Pensare è un vero e proprio atto di ribellione rispetto alla mediocrità del vivere in modo anonimo e conforme ad ogni tipo di potere, il quale da preferisce avere di fronte a sé persone pigre e passive, sempre pronte ad obbedire. Per questo il mestiere del filosofo si è spesso rivelato, nel corso della sua storia millenaria, un mestiere particolarmente pericoloso.

Lo spettacolo rende omaggio alla forza esplosiva del pensiero, attraversa le storie di cinque cinque vite ribelli, di cinque atti di ribellione intellettuale che testimoniano la forza creativa e liberatoria della filosofia come modo di stare al mondo. Si tratta di un vero e proprio viaggio filosofico: dalla scelta di Ipazia di immergersi nel mondo della matematica e di osservare le stelle sfidando ogni fondamentalismo religioso al coraggio di Democrito di affermare che tutto è materia e che la felicità risiede nel vivere liberi dalla paura e dal dolore; dal furore con cui Giordano Bruno ama la natura sostenendo che Dio coincide con l’universo infinito all’intraprendenza con cui Olympe de Gouges abbandona la provincia francese per Parigi, dove inseguendo i suoi sogni finirà per proclamare la Dichiarazione delle Donne e delle Cittadine; per giungere infine al cospetto di Socrate, il filosofo e il ribelle per antonomasia, colui che in punto di morte si ribella all’ingiustizia della sua condanna rispettando comunque le leggi della città di Atene.

12 € - Acquista